Subscribe Now

Trending News

Api / Agricoltura / Ambiente

Il Congresso mondiale degli apicoltori biologici: fermare le semine OGM!

(3 aprile 2012)

A fine marzo in Messico si è svolta, a San Cristobal de las Casas, nella regione del Chiapas la Seconda Conferenza Mondiale d’apicoltura biologica. Le settanta organizzazioni di produttori di miele provenienti da 24 paesi hanno chiesto al  Ministro dell’Agricoltura del Messico, (SAGARPA), Francisco Javier Mayorga Castañeda, la moratoria delle colture geneticamente modificate.

Le colture transgeniche minacciano l’apicoltura e le realtà associative apistiche…

 

…che si sono adoperate per migliorare le condizioni del comparto e contrastare la disoccupazione e la migrazione negli Stati Uniti.

Nella lettera, sottoscritta da oltre 400 apicoltori, si dice:

Studi scientifici hanno dimostrato attività intensa di bottinatura da parte delle api (sia di polline e sia nettare), fino a 14 km di raggio, è quindi inevitabile che le colture OGM in campo aperto contaminino i derivati dell’alveare (come nel caso della soia che produce nettare attraente, con conseguente contaminazione del miele, o nel caso del polline di mais, da cui le api sono molto attratte)”.

E’ impossibile la coesistenza tra la produzione di miele biologico e le colture geneticamente modificate, e questo comporta la perdita di mercati internazionali, in particolare di quello europeo, il principale acquirente di miele messicano.”
Infatti, nel 2011, il settore dell’apicoltura ha subito il rifiuto di container di miele per la presenza di polline OGM, con enormi perdite economiche per i produttori apistici messicani.

Questa è una grave minaccia per l’apicoltura messicana, che genera entrate in valuta estera di 83.87 milioni di dollari per 41 mila famiglie di apicoltori del paese, che allevano 1,8 milioni di alveari, che garantiscono anche il servizio di impollinazione delle colture.

L’apicoltura, infatti, è una delle migliori opportunità di generazione di reddito nelle grandi aree rurali dei  paesi del Sud America.

Vedi articolo del quotidiano Opinion

{jcomments on}

Potrebbero interessarti