Subscribe Now

Trending News

Notizie

The Independent: i pesticidi causa del declino delle api

(31 gennaio 2012)

the_independent_3Il quotidiano inglese dedica ampio spazio alla notizia della pubblicazione degli accertamenti dell’equipe scientifica statunitense che confermano come i pesticidi moderni possono  essere una delle principali cause del collasso delle popolazioni di api. Infatti, lo studio pubblicato sull’ultimo numero della rivista scientifica tedesca Naturwissenschaften, rivela che…

 

…le api contaminate da infime  dosi dell’insetticida sistemico  imidacloprid divengono tre volte tanto più sensibili al micidiale parassita intestinale Nosema, rispetto a quelle non contaminate.

A conclusione dello  studio, condotto dal dottor Jeffrey Pettis, a  capo del Bee Research Laboratory del  Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, si afferma: ” Sottili interazioni tra pesticidi e agenti patogeni, come dimostrato qui, potrebbero  essere una delle principali cause dell’ aumento di mortalità delle  colonie  d’api in tutto il mondo.

Veramente risibile la reazione di  Julian Little, portavoce di Bayer CropScience: ” Gli studi di Jeff Pettis  sono stati condotti in laboratorio  e non all’aria aperta. Accentrando l’attenzione  sui pesticidi si distoglie l’attenzione dai problemi reali delle api: i parassiti e le malattie delle api; su cui  la Bayer sta concentrando i suoi sforzi”.

Bayer & C. s’arrampicano sui muri per cercare disperatamente di far scordare che:

  1. il declino riguarda tutti gli insetti e non solo le api (forse la causa sarebbero parassiti e patologie che li colpiscono a tempo?);
  2. nonostante la miriade di annunci trionfalistici non è stato a oggi individuato alcun parassita o patogeno che sia in grado di provocare il declino di tutti gl’insetti impollinatori (che si è incrementato esponenzialmente in coincidenza con autorizzazione e uso sempre più esteso di insetticidi sistemici);
  1. gli accertamenti “scientifici” delle multinazionali chimiche, per ottenere le autorizzazioni, sono in gran parte basati proprio su studi di laboratorio;
  2. le evidenze di campo denunciate dagli apicoltori sono sempre più e variamente confermate da plurimi studi scientifici, fra cui anche e finalmente lo studio statunitense (che “stranamente” “qualcuno” ha ottenuto non fosse pubblicato per anni) il cui autore si contraddistigue per dichiarazioni e rassicurazioni sul rischio per le api da pesticidi assai dubbie se non compiacenti verso i più importanti finanziatori di “ricerca scientifica” negli U.S.A.

 

    {jcomments on}


 

 

Potrebbero interessarti

Videochat TG – Miele Amaro

26 marzo 2015 Mercoledì 25 marzo il presidente di Unaapi, Francesco Panella è stato intervistato dalla giornalista Anna Scafuri nella videochat del…