Subscribe Now

Trending News

Dolce e miele Ricette dell'alveare

Frutta fresca e macedonie

Frutta fresca e macedonie

macedonia2Il miele è decisamente acido e la sua acidità può essere utilizzata anche come antiossidante. Nella tradizione italica per condire la frutta tagliata a dadini si ricorre allo zucchero e soprattutto al limone la cui ben conosciuta acidità impedisce l’ossidazione. La presenza del limone però mal si addice all’aggiunta di altri condimenti (per esempio il vino) ed ogni macedonia assume il medesimo sapore. Il miele, da solo, è capace di sostituirsi al limone impedendo per lungo tempo l’ossidazione e di dolcificare in sostituzione dello zucchero. I vari mieli poi sono in grado di sprigionare diversi gusti e sapori: un miele di agrumi conferisce profumi floreali, un miele di tiglio un sapore mentolato, un miele di acacia un sapore vanigliato, vellutato e così via. Lasciamo perciò alla fantasia del cuoco l’abbinamento del miele più appropriato per la “sua” macedonia di frutta: macedonia di piccoli frutti con miele di rododendro, macedonia con aggiunta di macedonia1noci e nocciole tostate e miele di acacia, macedonia di frutta mista con succo d’arancia e miele di agrumi, macedonia con uva, Asti Spumante e miele di acacia, e per ogni regione ed ogni stagione ci si può sbizzarrire: Moscati piemontesi o di Sicilia, Prosecchi trevigiani o Lambruschi emiliani: molti di voi potranno trovare abbinamenti e variazioni sul tema potendo conferire più serietà o piacevolezza al piatto.

Anche senza preparare una macedonia, non sapete cosa vi perdete se non provate ad immergere una fragola nel miele di acacia o ad addolcire uno spicchio di arancia con miele di agrumi o una mela con il tarassaco. Non pensate di peccare di golosità, così facendo unite la frutta al dolce in un connubio salutare che talvolta invitare ad un maggior consumo della frutta fresca, che invece spesso manca alla nostra dieta.frecciatornaindietro

Potrebbero interessarti