Subscribe Now

Trending News

Articoli Varroatosi

Lotta alla Varroa: timolo

Timolo

Utilizzo

I prodotti a base di timolo sono concepiti per garantire una evaporazione prolungata del principio attivo in modo da esporre al farmaco le varroe foretiche e quelle che man mano emergono dalla covata.

La necessità di un range di temperature piuttosto elevato limita l’uso del timolo per lo più al periodo estivo e ne rende l’efficacia dipendente dalle condizioni atmosferiche.

L’efficacia variabile rende i trattamenti con timolo più idonei in un quadro di lotta integrata:

  • in presenza di basse infestazioni come trattamento estivo (preferibilmente monitorando le cadute)
  • in caso di infestazione eccessiva come trattamento tampone per potere ritardare un trattamento estivo più efficace

Inoltre i trattamenti con alcuni prodotti a base di timolo (verificare la compatibilità sui foglietti informativi) possono essere abbinati al trattamento con un acaricida di sintesi (Apivar, Apistan) per aumentarne l’efficacia e contrastare lo sviluppo di resistenze (cfr. Dossier Varroa 2013).

Prodotti autorizzati

  • Apilife Var (Chemicals Life): tavolette impregnate con timolo (8g), eucaliptolo (1,72g), canfora (0,39g), mentolo(0,39g). Libera vendita.
  • Apiguard (Vita Europe): gel 12,5g timolo. Libera vendita.
  • Thymovar (Biovet Andermatt): strisce impregnate con timolo (15g). Libera vendita.

Proprietà

Il timolo è un terpene che in natura ha la funzione di difendere il timo e piante affini dai parassiti. E’ una sostanza volatile e la distribuzione nell’alveare avviene per evaporazione. Si suppone che uccida la varroa legando i recettori dell’octopamina (Enan 2001), del GABA (Priestley et al. 2003) e i canali ionici TRP (Blenau, Rademacher, e Baumann 2012).

Modalità di somministrazione

I tre preparati autorizzati hanno modalità di utilizzo differenti, per le quali bisogna fare riferimento ai rispettivi foglietti informativi.

Segue una tabella comparativa sintetica:

  T min T max Posologia (arnia DB da 10 tt) Foglietto illustrativo
Apilife Var 15 30 1 tavoletta ogni 7 giorni per 4 volte Prontuario Min. salute
Apiguard 15 40 1 vaschetta ogni 15 giorni per 2 volte Prontuario Min. salute
Thymovar 15 30 1,5 strisce ogni 28 giorni per 1-2 volte Prontuario Min. salute

Effetti avversi

Tra vari terpeni testati il timolo è risultato il più tossico per le api (Ellis e Baxendale 1997). Il trattamento con timolo può indurre la rimozione della covata (Floris et al. 2004; Marchetti, Barbattini, e D’Agaru 1984) e causare mortalità delle regine (Whittington et al. 2000), pur essendo queste meno sensibili al timolo rispetto alle operaie (Dahlgren et al. 2012). La molecola altera la trascrizione di geni implicati nella detossificazione e nell’immunità in modo più importante rispetto a vari acaricidi di sintesi (Boncristiani et al. 2012). Il principio attivo induce inoltre alterazioni del comportamento delle api: maggiore attività e riduzione della risposta allo stimolo luminoso (Bergougnoux, Treilhou, e Armengaud 2013).

Resistenza

Negli anni gli apicoltori italiani hanno osservato un calo di efficacia dei preparati a base di timolo, dimostratisi spesso non più sufficienti come unico trattamento “tampone” estivo. In Francia sono state segnalate delle popolazioni di varroa resistenti al timolo (Bonafos et al. 2011).

Residui

Il timolo può lasciare residui sia nel miele, dove non è ritenuto pericoloso per la salute del consumatore ma ne altera il sapore, sia nella cera, da cui però evapora con l’esposizione all’aria (Bogdanov, Imdorf, e Kilchenmann 1998). Per il timolo non è stato necessario fissare un limite massimo residuale, come da Regolamento UE N. 37/2010.

Apicoltura biologica

Ammesso

Riferimenti

Bergougnoux, Maelys, Michel Treilhou, e Catherine Armengaud. 2013. «Exposure to Thymol Decreased Phototactic Behaviour in the Honeybee (Apis Mellifera) in Laboratory Conditions». Apidologie 44 (1): 82–89. doi:10.1007/s13592-012-0158-5.

Blenau, Wolfgang, Eva Rademacher, e Arnd Baumann. 2012. «Plant Essential Oils and Formamidines as Insecticides/acaricides: What Are the Molecular Targets?». Apidologie 43 (3): 334–47. doi:10.1007/s13592-011-0108-7.

Bogdanov, Stefan, Anton Imdorf, e Verena Kilchenmann. 1998. «Residues in wax and honey after Apilife VAR® treatment». Apidologie 29 (6): 12. doi:10.1051/apido:19980604.

Bonafos, R., B. Guillet, M. E. Colin, e S. Kreiter. 2011. «Monitoring of the susceptibility/resistance of Varroa destructor to acaricides.» In , 150–59. Association Française de Protection des Plantes (AFPP).

Boncristiani, Humberto, Robyn Underwood, Ryan Schwarz, Jay D. Evans, Jeffery Pettis, e Dennis vanEngelsdorp. 2012. «Direct effect of acaricides on pathogen loads and gene expression levels in honey bees Apis mellifera». Journal of Insect Physiology 58 (5): 613–20. doi:10.1016/j.jinsphys.2011.12.011.

Dahlgren, Lizette, Reed M. Johnson, Rlair D. Siegfried, e Marion D. Ellis. 2012. «Comparative Toxicity of Acaricides to Honey Bee (Hymenoptera: Apidae) Workers and Queens». Journal of Economic Entomology 105 (6): 1895–1902. doi:10.1603/EC12175.

Ellis, Marion D., e Frederick P. Baxendale. 1997. «Toxicity of seven monoterpenoids to tracheal mites (Acari: Tarsonemidae) and their honey bee (Hymenoptera: Apidae) hosts when applied as fumigants». Journal of economic entomology 90 (5): 1087–91.

Enan, Essam. 2001. «Insecticidal activity of essential oils: octopaminergic sites of action». Comparative Biochemistry and Physiology Part C: Toxicology & Pharmacology 130 (3): 325–37. doi:10.1016/S1532-0456(01)00255-1.

Floris, Ignazio, Alberto Satta, Paolo Cabras, Vincenzo L. Garau, e Alberto Angioni. 2004. «Comparison Between Two Thymol Formulations in the Control of Varroa destructor: Effectiveness, Persistence, and Residues». Journal of Economic Entomology 97 (2): 187–91. doi:10.1603/0022-0493-97.2.187.

Marchetti, Stefano, Renzo Barbattini, e Mauro D’Agaru. 1984. «Comparative effectiveness of treatments used to control Varroa jacobsoni oud». Apidologie 15 (4): 363–78. doi:10.1051/apido:19840401.

Priestley, Caroline M, Elizabeth M Williamson, Keith A Wafford, e David B Sattelle. 2003. «Thymol, a Constituent of Thyme Essential Oil, Is a Positive Allosteric Modulator of Human GABAA Receptors and a Homo-Oligomeric GABA Receptor from Drosophila Melanogaster». British Journal of Pharmacology 140 (8): 1363–72. doi:10.1038/sj.bjp.0705542.

Whittington, R., M. L. Winston, A. P. Melathopoulos, e H. A. Higo. 2000. «Evaluation of the Botanical Oils Neem, Thymol, and Canola Sprayed to Control Varroa Jacobsoni Oud. (Acari: Varroidae) and Acarapis Woodi (Acari: Tarsonemidae) in Colonies of Honey Bees (Apis Mellifera L., Hymenoptera: Apidae).» American Bee Journal 140 (7): 567–72.

Potrebbero interessarti

Varroa – Sintomi

Varroatosi: sintomatologia I sintomi dell’infestazione da varroa sono complessi e variegati e dipendono dall’azione di vettore virale e di depressione…

Varroa – Patogenesi

Patogenesi (originariamente pubblicato su L’Apis n. 2/2013). Varroa destructor è ritenuta la principale causa di mortalità invernale degli alveari nei…